In volo: oggetti non consentiti


L’ICAO e la IATA classificano tutte le sostanze e i materiali che, per la loro natura, possono costituire un pericolo per il trasporto aereo e ne proibiscono l’introduzione nel bagaglio, sia da registrare che a mano.


Questi prodotti sono: Porta-documenti forniti di congegno d'allarme Gas compressi (refrigeranti, infiammabili, non infiammabili e velenosi) come butano, ossigeno, azoto liquido, gas da campeggio, nonché bombole per autorespiratori Agenti corrosivi, come acidi, alcali, mercurio e batterie ad elementi liquidi Esplosivi, armi e munizioni che non siano da caccia o sportive, capsule a nastro, fuochi d’artificio e razzi, così come tutti i giocattoli somiglianti ad armi Liquidi e solidi infiammabili, come accendini e combustibili per gli stessi, fiammiferi, vernici, solventi Altri oggetti pericolosi, come materiali magnetici, nocivi, tossici, di odore sgradevole o irritanti, ossidanti, come polvere candeggiante e perossidi Veleni e sostanze infettive, insetticidi, erbicidi e materiali con agenti patogeni Sostanze radioattive Dispositivi di allarme ed eventuali batterie al litio installate per la relativa alimentazione Torce subacquee con batterie inserite Prodotti alimentari di origine animale I prodotti alimentari di origine animale (carne, latte o prodotti a base di carne o di latte) possono veicolare agenti patogeni responsabili di malattie infettive degli animali. Esistono procedure e controlli veterinari rigorosi sull'introduzione nell'Unione Europea di questi prodotti. I viaggiatori* devono presentare tali prodotti per i controlli ufficiali. Maggiori informazioni sono reperibili presso le autorità sanitarie locali. Sono esclusi i viaggiatori in arrivo con piccoli quantitativi destinati al consumo personale provenienti da: Andorra, Isole Faeroer, Groenlandia, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, San Marino, Svizzera. (fonte: Alitalia)